Sazerac

  • 5 cl  Cognac
  • 1 cl Assenzio
  • 1 zolletta di zucchero
  • 2 gocce di Peychaud’s bitters

 

Procedimento: bagnare un old fashioned ghiacciato con l’assenzio, aggiungere ghiaccio tritato e metterlo da parte.

Mescolare gli altri ingredienti con ghiaccio e metterli da parte.

Eliminare il ghiaccio e l’assenzio in eccesso e filtrare il cocktail nel bicchiere. Aggiungere la scorza di limone per guarnire.

Nota: la ricetta originale è cambiato dopo la Guerra Civile americana, infatti il Whisky di segale sostituisce Cognac in quanto quest’ultimo era divenuto raro da trovare.

 

Tutto avviene nel 1949 e lo testimonia la foto in fondo dal titolo “1949, Storming at Sazerac Bar”. Decine di signore si affollano davanti la bancone del Sazerac Bar di New Orleans. A quell’epoca le donne non potevano entrare nei bar, tranne nel giorno di Carnevale.

 

Il 25 Settembre 1949 il Sazerac Bar, dopo una chiusura per rissa, riapre al Roosevelt Hotel e i manager del bar decidono di invitare anche le signore. Ed ecco la foto…

1949, Storming at Sazerac Bar

 

 

Il Sazerac è un “fossile” di cocktail, uno dei più vecchi in circolazione. Nel 2008 la Lousiana, con apposita legge, lo proclama “Cocktail della città”, riportando in auge la ricetta risalente al 1830.

Secondo gli storici, la ricetta nasce in una farmacia del quartiere francese, di proprietà di monsieur Antoine Peychaud. Egli ha l’abitudine di offrire ad amici e clienti una bevanda corroborante preparata con Cognac (o con un Brandy di produzione locale), mescolata con una sua miscela segreta composta da bitters, un goccio d’acqua ed un po’ di zucchero. Il cocktail viene proposto in un bicchiere particolare somigliante ad un portauovo chiamato coquette.

 

Il nome del Sazerac deriverebbe dal Sazerac-du-Forge et fils, ai tempi il Cognac più diffuso in città. Nel 1850 i vari barman propongono diverse versioni del drink, fino al 1872 quando la fillossera devasta i vigneti francesi e per un periodo di tempo la produzione del Cognac crolla. In questo modo, un certo Thomas Handy della Sazerac House, inizia a proporre un Sazerac con Rye Whiskey al posto del distillato francese e qualche goccia di assenzio.

 

Durante il Proibizionismo anche l’assenzio è bandito e verrà sostituito dall’Herbsaint, un liquore all”anice di produzione locale.

Ecco la ricetta tradizionale riportata da Haddy Craddock:

1 zolletta di zucchero

1 spruzzata di Angostura o Peychaud bitter

1 bicchiere di Rye o Canadian Club Whisky

Mescolare bene e versare in un altro bicchiere raffreddato, aggiungere una spruzzata di Assenzio e una scorza di limone strizzata.

(…)

Il resto della storia in questo libro:

 

Clicca qui per accedere alla scheda del libro