Il ritorno del throwing

Sembra un trucco utile per le feste. Dopo aver unito gli ingredienti in una parte dello shaker, il bartender inizia a sollevare in aria e lascia scorrere il liquido (in una scia luccicante) fino a quando non finisce nell’altra parte dello shaker . Questa pratica di “lanciare” o “rotolare” il cocktail è un metodo molto antico, tanto da risalire all’antica Grecia e all’Egitto, ma solo recentemente è tornato in auge.

Jared Brown, scrittore, educatore, distillatore e co-fondatore del Museum of the American Cocktail and Mixellany, ha trascorso molto tempo a ricercare le origini del throwing.  “La prima volta che le parole” cocktail shaker “apparvero in stampa, nel 1869, l’articolo descriveva come fare questa operazione “, dice. “Ho trovato un’illustrazione del 1850 dell’El Dorado Hotel, San Francisco. Sullo sfondo si può vedere un bartender che lancia una bevanda non fiammeggiante. ” Entro il 1890, tuttavia, il throwing si stava eclissando. “Ho trovato un articolo in cui due vecchi bartender guardavano un giovane collega che agitava lo shaker e versava”, dice Brown. “Il commento diceva che l’arte della professione era morta perché il giovane collega non ha “lanciato”.”

Ma poiché l’interesse per tutte le cose antiche si è diffuso tra i bartender nell’ultimo decennio, il throwing ha iniziato a riemergere. Brown cita Boadas a Barcellona come il posto dove le cose hanno iniziato a cambiare. Un giovane bartender spagnolo di nome Albert Monserrat è arrivato sino al Museo del cocktail americano per trovare informazioni sul trowing. “Aveva paura che scomparisse completamente”, dice Brown. Ispirata dall’idea, Brown e la moglie Anistatia Miller si recarono in Spagna per imparare di più dai mentori di Albert, Doña Maria Delores Boadas e suo marito Don Josep. “Era aggraziata nei suoi movimenti. Li faceva senza sforzo. Non ha mai interrotto il contatto visivo. Non ha mai perso il filo della conversazione. E quando il cocktail è stato pronto, ha sollevato di nuovo quel bicchiere e lasciato che la bevanda cadesse in un bicchiere da cocktail, come un sommozzatore di un circo che atterra incolume in un barile d’acqua.

Doña Maria Delores e Josep hanno insegnato la tecnica a Brown e Miller e, a loro volta, hanno iniziato a spargere la voce. “Avevamo una scuola di bar in un’isola nel sud della Francia e lavoravamo con i migliori bartender di tutto il mondo”, afferma Brown. “Abbiamo insegnato loro e hanno insegnato alla prossima generazione. Alcuni dei nostri amici hanno seguito anche il nostro percorso principale, cercando le Boadas e imparando da loro. Non posso dire quanto sia incoraggiante vedere i throwing tornare in auge per il mondo. ”

A New Orleans, il proprietario di Manolito, Nick Detrich ha imparato la tecnica durante i suoi viaggi a Cuba. “Miguel Boadas, che possedeva Floridita prima del Constante Ribailagua, portava con sé la tecnica da Barcellona a Cuba, dove era fortemente praticata fino alla morte di Ribailagua”, dice. “Penso che sia un’ottima tecnica per molte bevande che hanno la presenza di vino aromatizzato: il Martini e El Presidente .”

E Brown dice che è una tecnica semplice da imparare. “Di recente, mentre tenevo una lezione a un gruppo di bartender, ho scoperto che nessuno di loro aveva provato a lanciare e nessuno di loro voleva essere scelto”, ricorda. “Quindi mi sono rivolto al fotografo dell’evento e ho chiesto se avesse mai preparato un cocktail. No, aveva risposto. Gli ho fatto posare la macchina fotografica e prendere un paio di tin. Con poche semplici istruzioni, il suo primo throwing è stato buono come il mio. ”

Lindsay Matteson, il cui curriculum comprende periodi in Pouring Ribbons, Amor y Amargo, Canon e attualmente Barnacle, era uno degli studenti di Brown. “Mi piace per alcuni motivi”, afferma. “Uno è l’ergonomia di base: è un movimento molto semplice sul tuo corpo, perché stai lavorando con la gravità, quindi tutto funziona a tuo favore.” L’ex attrice privilegia anche il movimento per la sua teatralità. “Gran parte di ciò di cui parliamo in questo momento è il mestiere di preparare cocktail, ma quando sei dietro il bancone devi abbinarlo con l’arte del bartending e intrattenere gli ospiti per 12 ore.” Far scivolare un cocktail è un modo semplice per catturare l’attenzione di un ospite senza troppi sforzi. “Non è uno sforzo estraneo o extra come lo è il bartending, ma è inaspettato.”

Forse la cosa più importante è che il lancio influisce anche sulla consistenza della bevanda. “Quando lanci e mescoli, stai aggiungendo aerazione alla bevanda”, aggiunge Matteson. “Non agiti il ​​cocktail nello stesso modo in cui lo faresti se lo scuotessi, ma ottieni una consistenza diversa dalla shakerata. È una vittoria. ”

Articolo di

Fonte: http://imbibemagazine.com/throwing-cocktails/